LAVAGNA TECNICA

Hai una domanda sul mondo del rugby e vuoi una risposta da Marco?

Scrivici e avrai tutte le spiegazioni direttamente dal nostro campione!

Dettagli tecnici, aspetti organizzativi o di preparazione, non perdere l’occasione unica di ricevere una risposta da uno dei protagonisti del rugby italiano e mondiale!

Scrivi qui la tua domanda

.

Edoardo: potresti spiegarmi le diverse tipologie di legature in mischia chiusa?

Leggi qui la risposta

Matteo: perché alcuni giocatori calciano la palla colpendola sulla punta ed altri no?

Ciao Matteo, grazie per la tua domanda! Innanzi tutto dobbiamo distinguere il tipo di calcio effettuato.

Per i calci di spostamento, in cui la palla è nelle mani del giocatore ci sono principalmente due modi di colpirla. Il primo ed il più tradizionale è quello di impattare la palla sulla “pancia”, cioè sulla parte più lunga. Questo tipo di colpo permette alla palla di avvitarsi su se stessa e fa compiere una traiettoria molto lunga riuscendo a minimizzare l’attrito con l’aria. Quando invece c’è bisogno di fare un calcio molto preciso, i calciatori tendono a colpire la palla su una delle due punte. Questo punto di impatto è molto rigido e garantisce una risposta perfetta e consistente.

Per i calci piazzati, dove appunto il pallone è piazzato a terra, il discorso è esattamente il contrario. I calciatori “naturali” che non hanno bisogno di aumentare la gittata piazzano il pallone verticalmente, mettendolo in equilibrio su di una delle sue “punte”. In questo caso l’impatto sulla zona inferiore della pancia del pallone garantisce molta precisione. Negli ultimi anni però si vedono molti più giocatori piazzare la palla quasi orizzontalmente per colpirla sulla punta. Questa scelta deriva dal fatto di garantire una gittata maggiore al calcio, a scapito però della precisione.

Come è facile intuire ogni giocatore sviluppa la propria tecnica individuale, l’importante è però raggiungere una routine che possa essere replicata e che dia consistenza al gesto tecnico in allenamento ed in partita.

Comments are closed.